Blog

Mario Pantaleone, la qualità dell'uomo a servizio dell'arte pasticcera salernitana

Le zuppette, i babà, le sfogliatelle, le bombe alla fragola. E poi i dolci della tradizione, preparati seguendo con rigore il calendario e le feste: la zeppola di San Giuseppe, la zuppetta, la mont blanc, le chiacchiere e il sanguinaccio a Carnevale, i torroni e i croccanti di nocciole a Natale. Ma soprattutto lei, la scazzetta del cardinale, con la crema, il limone, il pan di spagna, uno strato di glassa alla fragola che la rende simile alla zucchetto di un porporato.

Era questo uno dei dolci che ha reso celebre l'Antica Dolceria, per tutti la Pasticceria Pantaleone, aperta nel 1868 a via dei Mercanti a Salerno, nella Cappella sconsacrata delle Anime del Purgatorio.

La scomparsa nel 150° anniversario dell’apertura della pasticceria storica salernitana

Negli ultimi decenni la Pasticceria aveva avuto un cognome ma soprattutto un nome, quello di Mario, scomparso il 12 dicembre 2018, proprio nell'anno del 150° anniversario dall'apertura, suscitando la commozione di tutta la città di Salerno. Non c'era salernitano che non lo conoscesse, non c'era salernitano che non avesse gustato le sue creazioni così buone da essere un vanto, quasi un marchio da esporre per l'intera città.


Tanti VIP tra i fan delle prelibatezze di Pantaleone

Mario Pantaleone, amico della gente più semplice così come dei "signori", era amato da grandi personaggi che, per le occasioni importanti, ordinavano le sue delizie. Parliamo dei fratelli Eduardo e Peppino De Filippo, di Luciano De Crescenzo, cui lo legava un rapporto di autentica amicizia, di Vittorio Sgarbi, ma anche di Bill Clinton e di Michail Gorbačëv. E finanche Papa Giovanni Paolo II assaporò e apprezzò i dolci di Pantaleone.


L’amore di Mario Pantaleone per la città di Salerno e il suo centro storico e l’attenzione alla qualità delle materie prime

Pantaleone vuol dire Salerno e anche per questo, con una certa fierezza, Mario, insieme alla sua famiglia, non ha mai voluto lasciare il centro cittadino che, per una parte della sua storia, era stato dimenticato.
Ma Pantaleone vuol dire anche qualità e cura nella scelta delle materie prime.

Mario era un grande lavoratore, una persona amabile e generosa, un pasticcere colto con cui era possibile intavolare lunghe discussioni, ma su una questione era davvero intransigente: gli ingredienti dovevano essere assolutamente naturali e di pregio elevato.
Questo gli ha sempre consentito di fare la differenza sia nel campo dei dolci sia in quello dei distillati. Negli anni del boom economico, Pantaleone esponeva infatti le ultime novità scozzesi così come i vini più nobili prodotti in Italia e in Francia.

Una sola parola d'ordine per lui e per la sua arte pasticcera: qualità.


Fu Salerno: Renato Casalbore

Fu Salerno: Renato Casalbore

Erano le 17.03 del 4 maggio 1949 quando l'aereo del grande Torino si schiantò contro il muraglione del terrapieno della Basilica di Superga, sulle colline del capoluogo piemontese.
Trentuno le vittime: il capitano Valentino Mazzola e diciassette compagni della squadra che aveva vinto gli ultimi cinque scudetti.

Halloween: un’americanata o una tradizione dalle origini antiche?

Halloween: un’americanata o una tradizione dalle origini antiche?

Sbaglia chi pensa che Halloween sia una festa tipicamente americana. La popolare ricorrenza, la cui simbologia è legata alla morte e all’occulto e che si celebra nella notte tre il 31 ottobre e il 1° novembre, ha origini celtiche.

“Runat” il robivecchi del quartiere Torrione, a Salerno

“Runat” il robivecchi del quartiere Torrione, a Salerno

Oggi la rubrica “Fu Salerno” vuole ricordare un personaggio emblematico della città di Salerno: “Donato, il cartonaio” che andava in giro con il suo carretto straripante di cartoni per le vie del quartiere “Torrione” (Foto di Mario Lo Bianco).

Il galateo del funerale

Il galateo del funerale

Ogni occasione della vita ha le sue norme di galateo, anche quando viene meno una persona cara: un parente, un amico, anche un semplice conoscente. E la prima è la sincerità. Si partecipa ad un lutto o si condivide il dolore per la dipartita di un defunto solo se davvero si è coinvolti.
Non è così comune, ma in certe tradizioni è diffuso l’uso di lasciare ai familiari della persona che ci ha lasciati un bigliettino. In questo caso, non limitatevi ad un freddissimo “condoglianze”, scritto magari su un biglietto da visita.

La morte ai tempi dei social

La morte ai tempi dei social

Secondo uno studio dell’Università di Oxford, condotto dai ricercatori Carl Ohman e David Watson, trenta milioni di profili Facebook, il più popolare dei social network, appartengono a persone decedute. È inevitabile che questo numero aumenti, anche perché si calcola che circa otto mila utenti al giorno vengano a mancare. Nel 2080, dice ancora la ricerca, se il social continuerà a diffondersi alla velocità attuale, il numero supererà i due miliardi e mezzo ed, entro la fine del secolo, i cinque miliardi.

Contattaci

Per ogni richiesta e/o informazione, non esitare a contattarci

Nel momento più difficile, la scelta più semplice.
- Reperibilità H24 -
+39 089 2854837